DT3 Servizi Informatici

Pagamenti digitali e mobile: la situazione in Italia nel 2016

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Pagamenti digitali e mobile: la situazione in Italia nel 2016

L’edizione 2017 dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano fa il punto della situazione sui pagamenti digitali e mobile in Italia.

shopping online

Nel 2016 i pagamenti digitali con carta in Italia sono cresciuti del 9% raggiungendo i 190 miliardi di euro, pari al 24% dei consumi delle famiglie italiane. I possessori di carte contactless hanno acquisito maggior consapevolezza dello strumento che hanno nel portafoglio e gli esercenti hanno orientato il POS verso il cliente, permettendogli di avvicinare la carta in autonomia e generando così un effetto trascinamento. Queste sono alcune delle evidenze emerse dalla nuova edizione dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce della School of Management del Politecnico di Milano.

“Ancora una volta, questa crescita è ampiamente riconducibile ai New Digital Payment, che complessivamente superano i 30 miliardi di euro (+51% rispetto al 2015) e valgono ormai il 16% del totale dei pagamenti digitali con carta (nel 2015 erano il 12%). Nel 2016 i New Digital Payment hanno dimostrato di essere il motore in grado di avvicinare gli italiani ai pagamenti elettronici in sostituzione del contante” ha dichiarato Valeria Portale, Direttore dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce.

pagamenti digitali

ECommerce ed ePayment rappresentano la componente di maggior valore nei New Digital Payment. Nel 2016 l’acquisto di beni e servizi e il pagamento di ricariche, bollette e tasse tramite PC o tablet con carta di credito o tramite Wallet sono cresciuti del 14%, arrivando a valere 18,7 miliardi di euro.

L’acquisto di prodotti e servizi sia attraverso il telefono cellulare (Mobile Payment & Commerce), sia attraverso app e Mobile site che utilizzando lo smartphone in modalità di pagamento proximity (NFC, QR code e geo-localizzazione) cresce del 63% e raggiunge i 3,9 miliardi. Inoltre, grazie ad iniziative volte a convogliare gli acquisti su mobile anche per categorie generalmente più associate al mondo PC, si stima che nei prossimi tre anni il Mobile Remote Commerce potrà raddoppiare e valere tra i 6,7 e i 7,7 miliardi di euro.

“Sono molteplici le direttrici di innovazione in ambito pagamenti, dal Mobile Wallet evoluto che integra pagamento digitale e carte fedeltà, alla geo-localizzazione per pagare senza estrarre il telefono dalla tasca, dai pagamenti con password biometriche (scansione dell’iride o dell’impronta digitale) all’evoluzione delle nuove monete virtuali (blockchain e criptovalute), senza dimenticare le applicazioni legate all’Internet of Things, con automobili in grado di pagare il parcheggio e frigoriferi smart capaci di valutare automaticamente le scorte” ha concluso Ivano Asaro, Ricercatore dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce.